OLIO DI PALMA , QUESTO DEMONIZZATO ALIMENTO

index olio

In questi ultimi tempi sembra essere di moda scrivere sulle confezioni di biscotti, merendine , cioccolate e quant’altro  “ Senza olio di palma “ quasi come se questo alimento fosse una delle cose più nocive in circolazione per la lavorazione di dolci, ma andiamo in profondità e conosciamolo meglio.

L’oilo di Palma come la maggior parte degli oli tropicali ha un alto contenuto di acidi grassi saturi, come quelli di origine animale,  questi assunti in eccesso sono dannosi per la salute dell’uomo (anche se ultimamente ci sono parecchie controversie). Bisogna anche dire che tutti gli oli in commercio contengono acidi grassi saturi, chi più e chi meno , l’olio d’oliva ne ha 14 gr per 100 gr , l’olio di cocco 87 gr su 100.

L’olio in questione viene estratto dai frutti della palma, molto simili ai datteri, per le sue caratteristiche si presta a molte lavorazioni ed utilità, quindi non solo nell’industria dolciaria, ma anche in cosmetica per i saponi, come combustibile e per friggere, inoltre, fattore da non sottovalutare, ha un costo di lavorazione inferiore rispetto alla maggior parte degli oli.

Tutti gli oli tropicali hanno alti contenuti di acidi grassi saturi, molto probabilmente perché le loro piante vivono in luoghi molto caldi e i loro frutti hanno questa caratteristica, rispetto a quello di oliva , di girasole, di lino, che sono coltivati in luoghi decisamente più freschi, quindi con più bassi contenuti.

Gli abitanti di quelle zone hanno sempre consumato e utilizzato questi frutti e quindi oli, ma allora cos’è che fa male ?? forse qualcuno crede che sostituendo l’olio di palma con il burro oppure con olio di girasole raffinato sia meno nocivo? niente di più errato, quello che veramente fa male non è l’alimento in origine ma le sue lavorazioni per estrarlo o per produrne di più con meno fatica. Lo stesso olio di oliva raffinato fa male, tutti gli alimenti lavorati chimicamente o industrialmente diventano nocivi per la salute, perché perdono tutte le loro proprietà nutritive iniziali e producono agenti tossici per la salute. Anche il nostro corpo se pur in minore quantità ha bisogno di acidi grassi saturi , come di vitamine e minerali, tutti in giuste quantità però ! …questo è il tanto demonizzato olio di palma .

 

palamapalama7palama-2palama5palama6

 

DICO LA MIA

In riferimento a questo articolo e a un prossimo ancora in lavorazione, voglio dire (come diceva un cantautore spagnolo ) è un mondo difficile … bisogna stare molto attenti, tutto quello che ci viene proposto e pubblicizzato al giorno d’oggi, viene fatto principalmente per interesse, dietro a tutto questo ci stanno grosse industrie, case farmaceutiche, ditte petrolifere, Banche, grandi politici e industriali , il loro principale interesse è un tornaconto economico, di certo non interessa la salute e il benessere dei consumatori. L’olio di palma, per molti fino a poco tempo fa sconosciuto, è diventato famoso grazie all’interesse di bravi giornalisti, i quali denunciando una produzione massiva di olio per fini industriali , denunciando disboscamenti inquietanti nelle zone tropicali con depauperamento di flora e fauna  e produzione smodata di olio industriale senza controllo, causando una riduzione drastica di vendita perché i consumatori hanno iniziato a non comperare più prodotti con oli di Palma. Ma la risposta delle grandi industri non ha tardato, subito prodotti c0n etichetta evidenziata con scritto SENZA OLIO DI PALMA…….ma perché pensate che quello che ci infilano al suo posto sia meno dannoso ???

meditiamo

CLAUDIO

Intossicazione alimentare al campo scuola di Don Santo

giscol20

 

Doveva essere un normale “rientro alla base” dopo la settimana trascorsa al Campo Estivo a Malosco in Val di Non (TN), invece nel rientro il pullman che trasportava la comitiva di don Santo Chiapparini, ha dovuto fare una tappa forzata al Pronto soccorso di Santa Maria del Carmine di Rovereto.

Alcuni bambini infatti hanno avvertito forti dolori a ventre e stomaco, si pensa a causa di cibi avariati mangiati durante il soggiorno estivo. Probabilmente a scatenare il tutto sembra essere stato un dolce contenente delle uova avariate.

In totale sono stati 17 i bambini che hanno manifestato i sintomi, alcuni di essi sono stati trattenuti per accertamenti, ma il tutto per precauzione e senza ricadute particolari.

Di seguito il servizio di TELETUTTO

http://video.giornaledibrescia.it/video-server/media/video/7457.mp4

Terrore a Parigi

TERRORE A PARIGI

n-PRAY-FOR-PARIS-large570

Potrebbe essere il titolo di un film di Hollywood, invece si tratta di una triste realtà. Il titolo infatti potrebbe essere di un quotidiano di oggi 14 novembre, al quale si potrebbe aggiungere anche l’occhiello (seconda parte), visto i fatti che hanno coinvolto la capitale francese lo scorso 7 gennaio. Oppure quello di un film drammatico. Quelli dove l’ansia e la paura prendono il sopravvento e non ti mollano fino ai titoli di coda.

Ieri sera (13/11/2015) la Francia, l’Europa ed il mondo intero sono stati nuovamente scossi dalla paura del terrorismo. Un attacco, anzi più di uno da parte dei terroristi islamici dell’ISIS che hanno provocato più di cento morti e quasi trecento feriti. Subito la notizia è rimbalzata in tutto il mondo grazie ai media e social media, ed oggi sono numerose le dimostrazioni di cordoglio a favore dei “cugini” francesi.

Senza ulteriori sprechi di parole ci teniamo a raccontarvi che siamo riusciti a metterci in contatto con una nostra compaesana che tutt’ora si trova a Parigi ed ha potuto vivere in prima persona il clima di terrore che si respira in queste ore.

Si tratta di Chiara Gelmi, che si trova nella capitale francese con il suo ragazzo per passare un weekend di vacanza e spensieratezza. Ieri sera invece si sono ritrovati a margine di un film dell’0rrore: “eravamo a 10 minuti di strada dal nostro hotel, quando abbiamo iniziato a vedere un sacco di polizia ed ambulanze” racconta Chiara “a quel punto presi dallo spavento siamo rientrati subito in camera e abbiamo appreso dal telegiornale quello che stava accadendo fuori. Oggi ci hanno detto che la zona è sicura e possiamo uscire tranquillamente. Anche le partenze e i voli non sono stati cancellati, perciò non dovremmo avere problemi con il rientro. In giro ci sono comunque tantissimi controlli da parte della polizia.”

Oltre al grande spavento sembra che la situazione sia stata gestita bene e la nostra compaesana potrà rientrare in patria senza problemi. Non si dimenticherà di certo facilmente di questo week end a Parigi!

Come detto tanti sono stati i commenti a questi tragici avvenimenti, su tutti vogliamo riportare il commento sul suo profilo Facebook del nostro primo cittadino Stefano Gelmi:

Siamo di fronte ad un attacco vigliacco al cuore dell’Europa che ci riguarda e ci deve fare riflettere…Siamo vicini ai fratelli francesi, ma ora basta con il solito stupido buonismo, queste barbarie non possono rimanere impunite….dobbiamo difendere i nostri confini, tutelare la nostra gente….i nostri figli, la nostra identità……serve determinazione ed inflessibilità.

stefanofb

 

Sperando di non dover scrivere presto un articolo per fatti simili anche in Italia, vi lasciamo con queste parole:

Nessuna civiltà potrà essere considerata tale se cercherà di prevalere sulle altre.
(Gandhi)

E’ NATA LA PRIMA CHITARRA CAMUNA

intestazione_1763580495668312506_n

 

Oggi voglio farvi conoscere un nuovo progetto che da qualche mese è nato ad un passo da noi. Un lavoro “Made in Vallecamonica” che ha unito diversi fattori usualmente differenti per un risultato innovativo e unico. Nasce infatti ZERO, la prima chitarra camuna, e a raccontarci la sua gestazione abbiamo l’ideatore Andrea Richini.

 

M-N: Buongiorno Andrea, raccontaci un po’ come è nato questo “esperimento”

R.A: Ciao Armando, ti ringrazio per lo spazio… Dunque, la “chitarra camuna” nasce dalla mia passione per le chitarre elettriche e dall’abilità di Giambattista Donati, in arte Artigianato Camuno del Legno. La storia è cominciata così: una sera mi capita sottomano una ciotola dell’Artigianato, portatami da mia figlia Alice che ci stava giocando, e mi è venuta l’idea di riportare quel tipo di decorazione “tridimensionale” e “grezza” su una chitarra, mentre gli strumenti che si acquistano in negozio o anche quelli di liuteria hanno solitamente una finitura liscia, laccata o comunque verniciata a lucido.

 

M-N: Dopo l’idea come si è passati al progetto concreto?

R.A.: Sono andato da Donati, che non conoscevo personalmente, e gli ho proposto la cosa, mostrandogli alcuni schemi di costruzione di strumenti. C’è da dire che la chitarra elettrica, a differenza di altri strumenti più complessi, si presta per questo tipo di esperimento, ed anche i componenti sono reperibili abbastanza facilmente su Internet o nei negozi di musica (pickup, meccaniche, potenziometri, eccetera) Così ho acquistato i vari pezzi necessari e poi, nel laboratorio di Donati a Braone, abbiamo realizzato la “Zero”, che poi sarebbe il prototipo.

naked

 

M-N: Puoi darci qualche dettaglio e qualche aneddoto della fase di realizzazione

R.A.: Certamente, un fatto interessante è che la cassa della Zero è un pezzo unico di pioppo lavorato a mano dall’artista: praticamente è una piccola “opera d’arte” unica. Una volta realizzata la cassa ho montato i vari pezzi e poi l’ho portata da un liutaio per farla regolare. Il risultato è stato notevole, anche se ovviamente trattandosi della prima realizzazione abbiamo dovuto poi fare degli accorgimenti ed aggiustamenti, ma la chitarra suona ed è molto gradevole da usare, infatti la uso alle prove con il mio nuovo gruppo (“MATER”) e anche per registrare, con un progetto musicale appena partito con altri amici.

legno

 

M-N: questo conferma che oltre ad un ottimo pezzo d’artigianato, “Zero” è a tutti gli effetti uno strumento musicale completamente funzionante ed unico nel suo genere. Il viaggio della prima Chitarra Camuna è partito!

R.A.: La Zero ha fatto il suo debutto alla fiera SMUA di Boario Terme e poi ha avuto diverse recensioni ed articoli (PiùValliTV, Giornale di Brescia, Il Giorno) ed ha una pagina Facebook dedicata. L’esperimento sembra essere piaciuto ed infatti abbiamo ricevuto molti contatti: ora ne abbiamo appena preparate altre 3 (Zero1, Zero2 e Zero3) da vendere (ad un prezzo assolutamente concorrenziale) ed ognuna sarà diversa dalle altre come colorazione e finitura. Il progetto per il futuro è quello di realizzare un modello ex novo, completamente originale e possibilmente “completamente camuno”.

 vetrina551456858327816_725830605381491578_n

zero 1 2 3

M-N: Andrea ti ringrazio per la disponibilità, in bocca al lupo per questo innovativo progetto!

R.A.: Grazie a voi e ai vostri lettori, vi lascio alcune specifiche tecniche della nostra chitarra e i nostri contatti web:

- corpo: pioppo (pezzo unico)

- manico: acero con tastiera in palissandro a 24 tasti

- magneti: 2 humbucker tipo “Les Paul”

- potenziometri: tono/volume

- selettore: 3 vie

- componenti: cromate

- peso: 3,5 Kg.

 ra2

Concetto, progettazione e montaggio: Andrea Richini

Realizzazione, finitura e verniciatura: Artigianato Camuno (www.artigianatocamuno.com)

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/chitarracamuna