FEDERER VERSO L’OTTAVO TITOLO DI WIMBLEDON

 

index

Liquidando anche Tomas Berdich in tre set molto tirati, sua maestà Roger si accinge a conquistare l’ottavo titolo a Wimbledon e non ci sono scaramanzie che tengano, ma purtroppo lo sanno tutti, lo sa Lui e lo sa il povero Marin Cilic,

cilic500che Domenica per lui sarà già una vittoria, perché oltre ad essere la sua prima finale nel tempio del tennis, la giocherà con colui che batterà il record di vittorie in quel campo e in assoluto.

Verissimo (e lo sport lo dimostra sempre ) che le competizioni bisogna vincerle e Federer potrebbe anche perdere, al mondo tutto è possibile, ma le probabilità che vinca Marin sono talmente remote che se solo riuscisse a vincere un set (e questo sarebbe l’unico perso in tutto il torneo per Roger) passerebbe alla storia solo per quello.

Il Federer di oggi e di questo torneo non lascia possibilità a nessuno, ha fatto veder un tennis senza uguali, fuori da ogni regola, schema o religione, semplicemente inarrivabile, e non conta se i tre grandi sono usciti sfortunatamente

 

rafanadal1la-delusione-di-novak-djokovic-non-pensavo-avrei-commesso-cosigrave-tanti-non-forzati-un-match-da-dimenticare-andy-murray-sono-molto-deluso-scarsa-fiducia-livello-scadente- ,

a Wimbledon 2017 non ce ne sarebbe stato per nessuno, il signore del tennis o il tennis fatto uomo ha dettato le sue leggi e la sua regola. Domenica dovrà solo scomodarsi a ritirare il suo trofeo ..l’OTTAVO !

ertas_roger_federer_champion_0001_480x400

 

DICO LA MIA

 

L’avevo già detto e lo ribadisco, la grandezza di Federer, quello che lo renderà unico e lo consacrerà il più forte di tutti i tempi, a mio modo di vedere, non sono i titoli vinti e i record conquistati, perché ci potrà essere sempre uno che li supererà, ma il fatto che ha vinto cambiando tre generazioni, il fatto che ha vinto con un tennis unico, migliorando lo stesso modo di giocare che aveva quasi vent’anni fa , dimostrando di vincere non solo quando era forte e gli avversari non erano certamente di livello immenso, ma di vincere a 36 anni in mezzo agli squali a dei marziani ed a un livello di gioco che va a mille, dove puoi tranquillamente perdere da chiunque dei primi venti o trenta, perchè il livello oggi si è alzato tantissimo, vincere in mezzo a degli enfant prodige che spuntano come funghi ogni anno, giocando un tennis che riduce al minimo gli infortuni tenendo la prestazione atletica ad altissimo livello ed eseguendo il tutto con un eleganza che non si può pareggiare. Questo è quello che consacrerà Federer il più grande, come Jordan nel Basket o Pelè nel calcio…..gl’immortali.

Grande merito anche a suoi allenatori e al preparatore che ha saputo dare un valore a una cosa che nello sport agonistico va troppo dimenticata, logorando così l’altleta  a volte in maniera irreversibile…il RECUPERO !!!