COVID-19 primo caso a Malonno, lettera del sindaco

La conferma della ATS che accerta il primo caso di positività al coronavirus a Malonno è arrivata nella serata di ieri.

Si attende di scoprire se ci saranno altri casi. Voci non confermate indicherebbero almeno 1 altro malonnese positivo o in attesa di conferma del tampone.

Ormai c’è da ricordare che i numeri non contano nulla, l’unica cosa davvero importante per la salute di tutti è quella del rigoroso rispetto delle regole e dei comportamenti di sicurezza.

Appena giunta in redazione la lettera del sindaco Ghirardi che vi lasciamo integrale qui di seguito.

Tenete duro malonnesi

#stateacasa #andratuttobene

IMG-20200314-WA0047

MALONNO – LA CRISI IN COMUNE

20171128_commissariamento_Malonno_2012_TG_WEB.mp4

Malonno news è pienamente al corrente di quanto sta accadendo in paese, ma volutamente ha deciso di prendere tempo prima di pubblicare qualsiasi notizia.

Oltre alla delicatezza del caso, vogliamo evitare di alimentare polveroni più di quanto altri stiano già facendo.

La situazione non è certamente idilliaca, ma tutti rimaniamo fiduciosi e speriamo che il caso si possa risolvere nel migliore dei modi, questo anche e soprattutto per l’interesse del paese e della comunità.

Per questo motivo comunichiamo quanto segue:

Il Sindaco Stefano Gelmi ha dato le dimissioni da primo cittadino, per legge può ritirale entro 20 giorni.

Il vicesindaco Laura Rocca e tutta la maggioranza, in un comunicato stampa, hanno rilasciato la dichiarazione di essere completamente estranei al caso oltre che disponibili per tutti i cittadini che necessitino di aiuto nelle normali questioni amministrative.

Le indagini proseguono e la nostra redazione rimarrà in stand-by fin quando non avrà altre notizie sicure, cercando di riportarle esclusivamente nella loro integrità ed ufficialità.

 

Civica Malonnese INFORMA…

Il gruppo di maggioranza consigliare CIVICA MALONNESE, che fa capo al sindaco in carica Stefano Gelmi, ha reso pubblica nella giornata di ieri la propria replica ufficiale ai recenti comunicati stampa del gruppo di minoranza MALONNO FUTURA guidato da Ezio Asticher.

Un opuscolo alquanto dettagliato e corposo è stato recapitato nelle case dei Malonnesi.

Come organo di diffusione abbiamo naturalmente letto, al pari di quanto fatto per gli altri comunicati della controparte, il materiale di Civica Malonnese e pur confermando la nostra astensione da giudizi o prese di posizione di parte ci permettiamo un commento di carattere generale: Le annotazioni della Maggioranza appaiono alquanto articolate e decisamente nella prima parte , laddove si evidenziano in una tabella “presunti” errori da parte della Minoranza nella pubblicazione di alcuni dati, esse sollevano il nostro interesse e pensiamo anche quello dei cittadini, vogliosi a questo punto di avere maggiori chiarimenti.

Il resto della pubblicazione è alquanto esaustivo e pragmatico (non abbiamo scritto che lo condividiamo, ma che esso è chiaro e porta a corredo alcuni dati oggettivi), anche se dobbiamo rilevare come i toni tra le due fazioni si stiano inasprendo ben oltre la consueta dialettica politico/amministrativa.

Se Malonno Futura accusa Civica Malonnese dal non essere scevra da errori siamo d’accordo, se Civica Malonnese ribatte a Malonno Futura una rivedibile condotta dal punto di vista propositivo nella sua veste di minoranza lo comprendiamo.

Ciò che semmai preoccupa è come la deriva dello scontro possa avvelenare il clima e rendere difficili alcuni meccanismi della vita quotidiana dei Malonnesi che invece necessitano veramente di maggiore concretezza e meno “manovre” pre-elettorali.

Pertanto l’invito di MALONNO-NEWS  ai due gruppi è quello di continuare ad informare i loro cittadini e continuare ad esprimere liberamente e decisamente il proprio punto di vista.

Questo cercando di evitare la denigrazione gratuita, che altro non fa se non annacquare i contenuti esposti e renderli confusionari. E’ questo sia ben chiaro, è un invito ad AMBEDUE GLI SCHIERAMENTI !

Noi saremo sempre disponibili a collaborare con ambedue le liste per aiutarle nella diffusione delle loro idee/comunicazioni/proposte.

Buona lettura

www.malonno-news.it : il sito di TUTTI i Malonnesi

2

3

 

4

 

5 6 7

 

89 10 11 12 13 14 15

 

 

6000 Campanili: Malonno coglie un importante successo.

Per qualcuno all’inizio erano addirittura soldi buttati. Il tentativo di accedere ai finanziamenti previsti dal Programma del ministero dei trasporti e delle infrastrutture denominato “6000 campanili” pareva una mera illusione, o al limite qualcosa su cui fare della facile ironia.

Il merito di averci creduto va al sindaco Stefano Gelmi ma non solo, dietro le quinte hanno lavorato in tanti, a partire dal supporto tecnico/informatico che di fatto è riuscito nel miracolo di piazzare Malonno nei primi posti della graduatoria.

Tanti soldi, 910’000 Euro, che verranno erogati a Malonno a fondo perduto e che Malonno utilizzerà per migliorare la propria viabilità ed i servizi ad essa connessi. Al 6000 campanili sono state destinate anche risorse non spese dei Fondi strutturali europei per le regioni del Sud.

6000campanili

Sono stati 3.600 i progetti presentati – in grado di mettere in moto immediatamente l’economia locale per opere infrastrutturali di piccola entità (tra i 500mila euro e il milione) nei Comuni sotto i cinquemila abitanti, con una evidente riqualificazione del territorio e una significativa ricaduta occupazionale. Si tratta ora di dare corpo, vita ed anima al progetto a suo tempo presentato, ed a Breve dalle stanze del comune di Malonno ci fanno sapere che sarà indetta una assemblea pubblica per presentare tutto alla popolazione, mentre entro la fine dell’estate sarà svolta anche la gara d’appalto dei lavori.

IMG_5030

Un punto a segno per la squadra guidata da Gelmi senza dubbio. In tempi di “magra, magrissima” come questi è ossigeno puro per i piccoli comuni di montagna come il nostro poter centrare obiettivi del genere, che permetteranno di certo un salto di qualità anche dal punto di vista della sicurezza, tema sempre molto caro alla nostra redazione.

A seguire la graduatoria ufficiale del bando (la prima pagina) con evidenziato il super piazzamento di Malonno. (cliccare sulla foto per ingrandirla)

6000_campanili_3_malon

PGT: a Malonno arriva il commissiario

Chiariamo da subito ( ma tale premessa non era stata ritenuta necessaria, considerando noi i nostri lettori persone di acume e non atte alla faciloneria) che si tratta di COMMISSARIO AD ACTA PER IL COMPLETAMENTO DEL PGT. Quindi nessun commissariamento del comune, il Sindaco Gelmi rimane al proprio posto, tanto dovevamo per chiarimento. il resto dell’articolo è completamente esente da qualsiasi commento ed a parte le 5 (cinque) righe di presentazione riporta INTEGRALMENTE un atto pubblico. Malonno-News ha sempre riconosciuto, in numerose (anche recentissime) occasioni la buona opera di questa amministrazione e non ritiene pertanto, se pubblica una notizia che in qualche modo comprendiamo possa essere non gradita, di poter essere tacciata di disfattismo o malafede. E con questo, se qualcuno ha qualcosa da ribadire, mettiamo a disposizione le nostre telecamere ed il nostro canale  video youtube per una replica, per contattare la redazione basta scrivere a info@malonno-news.it .

Era stata ventilata, era stata prevista, è arrivata: sulla determina di Regione Lombardia del 26.02.2015 è stabilito l’invio dei commissari ad acta per il completamento dei PGT nei comuni ancora inadempienti (in provincia di Brescia, oltre a Malonno vi sono Collio e Pontedilegno).  A Malonno arriva l’Arch. Aldo Redaelli.

Riportiamo per i nostri lettori il testo integrale della determina e nella foto allegata, che è possibile espandere clikkandoci sopra, potete visionare la lista dei commissari incaricati con relativo compenso.

logo_lombardia

D.g.r. 26 febbraio 2015 – n. X/3195
Nomina dei commissari ad acta per il completamento della procedura di approvazione dei PGT di cui all’art. 25 bis, comma 3, della l.r. 11 marzo 2005, n. 12 «Legge per il governo del territorio»

LA GIUNTA REGIONALE

Visto l’art 25 bis, comma 3, della l r 11 marzo 2005, n 12 «Legge per il governo del territorio», secondo cui «in caso di mancata approvazione del PGT entro il 30 giugno 2014, la Giunta regionale, previa diffida ad adempiere entro sessanta giorni, nomina un Commissario ad acta il quale dispone degli uffici tecnici comunali e regionali di supporto, ove necessario, nonché dei poteri idonei a completare la procedura di approvazione del piano»;

Considerato che con d g r 11 luglio 2014 n X/2130 che reca «Approvazione della disciplina del procedimento di nomina dei Commissari ad acta per il completamento della procedura di approvazione del PGT di cui all’art. 25 bis comma 3, della l.r. 11 marzo 2005, n. 12» è stata individuata la procedura di nomina dei suddetti Commissari ad acta nonché la relativa tempistica, cui si è dato corso secondo le modalità di seguito descritte;

Rilevato che, in ossequio agli artt 1 e 2 dell’Allegato A alla ci- tata d g r n X/2130/2014, in data 27 agosto 2014 è stata inviata, ai Comuni che al 30 giugno 2014 non avevano approvato il PGT, la nota n Z1 2014 0018048 a firma dell’Assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo, con l’invito ad assumere il provvedi- mento conclusivo del procedimento di approvazione del piano entro il termine di 120 giorni dal ricevimento della Comunica- zione stessa, la quale costituiva altresì avvio del procedimento sostitutivo ex art 7 della legge 7 agosto 1990 n 241, avvertendo che, scaduto tale termine, si sarebbe proceduto, nei successivi 60 giorni, alla nomina, con delibera di Giunta regionale, di un Commissario ad acta ai sensi dell’art 25 bis, comma 3, l r 11 marzo 2005, n 12;

Dato atto che il suddetto termine di 120 giorni, assegnato ai Comuni per adempiere, è scaduto in data 27 dicembre 2014, mentre il termine dei successivi 60 giorni per procedere alla no- mina del Commissario con delibera di Giunta regionale scade in data 26 febbraio 2015;

Ricordato che i Comuni elencati nell’Allegato A) al presente provvedimento, di cui forma parte integrante e denominato «Tabella incarichi Commissari ad acta», non hanno concluso il pro- cedimento di approvazione del PGT nel termine sopra indicato;

Messo in rilievo che, nel tempo intercorrente fra il 27 dicembre 2014 ed il presente provvedimento, alcuni Comuni fra quelli elencati nell’Allegato A) al presente provvedimento, di seguito indicati, hanno provveduto ad inviare alla DG Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo Comunicazione scritta in cui dichiarano che procederanno all’assunzione degli atti di seguito indicati:

−  Comune di Borgoratto Mormorolo (PV), seduta del Consiglio Comunale fissata in data 5 marzo 2015 per approva- zione definitiva del PGT;

−  Comune di Lovero (SO), seduta del Consiglio Comunale fissata entro la data del 28 febbraio 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  Comune di Margno (LC), seduta del Consiglio Comunale fissata entro la data del 7 marzo 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  Comune di Pieve d’Olmi (CR), seduta del Consiglio Comunale fissata in data 27 febbraio 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  Comune di San Nazzaro Val Cavargna (CO), seduta del Consiglio Comunale fissata entro la data del 6 marzo 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  Comune di Premana (LC), seduta del Consiglio Comu- nale fissata entro la data del 7 marzo 2015 per adozione del PGT;

−  Comune di Val Rezzo (CO), seduta del Consiglio Comu- nale fissata in data 7 marzo 2015 per adozione del PGT; 
Valutato che i Comuni, fra quelli elencati nell’Allegato A) al presente provvedimento, i quali abbiano fissato una data cer- ta di approvazione definitiva del PGT, possano essere, alla luce del principio di leale collaborazione fra pubbliche amministra- zioni nonché tenuto conto del risparmio erariale conseguito da ciascun comune per tal via, esentati dalla procedura di Com- missariamento di cui al presente provvedimento, qualora effet- tivamente procedano ad approvare in via definitiva il PGT nel termine da loro stessi fissato, che appare ragionevole in quanto comunque non eccedente i 15 giorni dall’approvazione della presente deliberazione;

Serie Ordinaria n. 10 – Martedì 03 marzo 2015

Valutato altresì che i Comuni, fra quelli elencati nell’Allegato A) al presente provvedimento, i quali hanno fissato una data certa di adozione del PGT possa essere, alla luce del principio di leale collaborazione fra pubbliche amministrazioni nonché tenuto conto del risparmio erariale conseguito da ciascun co- mune per tal via, sottoposti a Commissariamento solo per gli adempimenti successivi alla deliberazione consiliare di ado- zione, qualora effettivamente procedano ad adottare il PGT nel termine da loro stessi fissato, che appare ragionevole in quanto comunque non eccedente i 15 giorni dall’approvazione della presente deliberazione;

Ricordato che secondo quanto previsto dalla succitata d g r n X/2130/2014 i Commissari ad acta sono scelti tra i soggetti iscritti all’albo di cui all’art 31 della l r 12/05;

Considerato che l’art 31, comma 1, della l r 12/05 prevede che «ai fini dell’esercizio del potere sostitutivo regionale in materia urbanistico-edilizia e paesaggistico-ambientale è istituito presso la Giunta regionale un albo dei Commissari ad acta, articolato per sezioni», il quale è stato istituito con d g r 19 febbraio 1999 n 6/41493, nonché successivamente integrato e modifica- to con d g r 16 dicembre 2004 n 7/19905, d g r 29 luglio 2009 n 8/9963 e d g r 24 gennaio 2014 n X/1273;

Ricordato che, in virtù dell’art 2, comma 2 2, dell’Allegato A alla citata d g r n 6/41493/1999, requisito richiesto per l’iscrizione alla «Sezione B – Attività in materia urbanistica» dell’Albo dei Commissari ad acta è il possesso di diploma di laurea o di diploma universitario attinente la materia urbanistica, nonché l’iscrizione al relativo ordine professionale, laddove esistente, unitamente ad una comprovata esperienza in materia per un periodo non inferiore a dieci anni, risultante dal curriculum individuale, oltre alla partecipazione ad appositi corsi di formazione promossi o riconosciuti dalla regione;

Convenuto pertanto che i Commissari ad acta previsti dall’art 25 bis, comma 3, della l r 12/05 devono essere scelti tra i soggetti iscritti all’albo di cui trattasi, ed in particolare alla «Sezione B -Attività in materia urbanistica»;

Ricordato inoltre che, così come previsto anche dall’art 3 dell’Allegato A alla d g r n X72130/2014, i Commissari ad acta non possono essere nominati in Comuni ricompresi nella provincia di residenza ovvero nella provincia in cui esercitano la pro- pria attività lavorativa;

Evidenziato che in data 14 gennaio 2015 è stata inviata ai n 55 soggetti validamente iscritti alla «Sezione B -Attività in materia urbanistica» del suddetto albo, la nota n Z1 2015 0000312 a firma del Dirigente della D G Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo – U O Strumenti per il Governo del Territorio, una richiesta di manifestazione d’interesse, da esprimere entro il 23 gennaio 2015, in relazione allo svolgimento del ruolo di Commissario ad acta per il commissariamento dei Comuni lombardi che non abbiano approvato il piano di governo del territorio, indicando fino ad un numero massimo di tre Comuni di preferenza, fermo restando che l’assegnazione dei Comuni sarebbe rimasta comunque di esclusiva ed insindacabile competenza della giunta regionale;

Reso noto che fra il 14 ed il 23 gennaio 2015 sono pervenute alla D G Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo da parte dei suddetti Commissari ad acta iscritti alla «Sezione B -Attività in materia urbanistica» n 29 dichiarazioni di manifestazioni di interesse con i relativi curricula aggiornati;

Considerato che la disamina dei curricula in base ai criteri indicati dall’art 3 dell’Allegato A alla d g r n X/2130/2014, sopra riportati, nonché all’esperienza maturata dagli iscritti in materia urbanistica ed in particolare in materia di piani di governo del territorio, e la valutazione delle preferenze espresse da ciascun Commissario in merito ai Comuni di cui trattasi, hanno portato a selezionare i Commissari ad acta idonei a svolgere le mansioni richieste, assegnando a ciascuno gli incarichi indicati nell’Alle- gato A) al presente provvedimento, denominato «Tabella incari- chi Commissari ad acta»;

Tenuto conto che nell’allegato A) al presente provvedimento, denominato «Tabella incarichi Commissari ad acta» sono indicati, altresì, i tempi assegnati a ciascun Commissario per provvedere nonché il relativo compenso, secondo le determinazioni assunte con la d g r 11 luglio 2014 n X/2130, in ragione sia del- la popolazione sia della situazione dello strumento urbanistico (avviato/adottato);

Ricordato che il compito del Commissario ad acta previsto dall’art 25 bis, comma 3, della l r 11 marzo 2005, n 12 non con- siste nella redazione del PGT, bensì nel completare la procedura di approvazione del piano, assumendo in via sostitutiva tutti gli atti e i provvedimenti necessari per la conclusione del procedimento, ivi incluso il provvedimento di approvazione definitiva del piano, disponendo, ove necessario, degli uffici tecnici comunali e regionali di supporto;

Rammentato quanto previsto dall’art 5 della d g r 11 luglio 2014 n X/2130, relativamente all’eventuale comprovata impos- sibilità per il Commissario ad acta di portare a termine il man- dato affidatogli nei tempi assegnati, secondo cui il medesimo Commissario può ottenere dalla giunta regionale una proroga avente durata comunque non superiore al termine iniziale;

Precisato che gli oneri finanziari relativi all’attività del Commissario ad acta sono posti a carico dell’Amministrazione comuna- le indicata nel predetto Allegato A) al presente provvedimento e consistono, ai sensi dell’art 5 della d g r 11 luglio 2014 n X/2130, nel compenso indicato nell’Allegato A) medesimo, al quale so- no sommate le spese vive documentate, ivi comprese quelle di viaggio;

Ricordato che, in virtù di quanto disposto dall’art 5, comma 5 6 della d g r 19 febbraio 1999 n 6/41493, i dipendenti di ruolo di Regione Lombardia e degli altri enti pubblici nominati come Commissari ad acta esercitano le relative mansioni al di fuori del normale orario di ufficio;

Dato atto che ciascuno dei Commissari ad acta sopradetti ha inviato alla D G Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo una dichiarazione di disponibilità ad assumere l’incarico nel comune indicato, impegnandosi ad adempierlo con fedeltà, lealtà ed imparzialità nei confronti della pubblica amministrazione;

Evidenziato che il presente provvedimento verrà immediatamente Comunicato ai Comuni interessati tramite pec e che dalla data di tale Comunicazione i medesimi perderanno la potestà di provvedere circa il proprio piano di governo del territorio;

Ad unanimità di voti espressi nelle forme di legge; DELIBERA

1 di approvare l’Allegato A) al presente provvedimento, di cui forma parte integrante e denominato «Tabella incarichi Commissari ad acta», conferendo incarico ai Commissari ad acta ivi elencati ad assumere, in via sostitutiva, tutti gli atti e i provvedi- menti necessari per la conclusione, nel tempo ivi indicato, del procedimento di approvazione del piano di governo del territorio del comune assegnato, ivi incluso il provvedimento di approvazione definitiva del PGT;

2 di conferire ai predetti Commissari per l’espletamento delle loro funzioni tutti i poteri del soggetto istituzionalmente competente in materia, disponendo, ove necessario, degli uffici tecnici comunali e regionali di supporto;

3 di porre a carico dell’Amministrazione comunale indicata nel predetto Allegato A) al presente provvedimento gli oneri finanziari relativi all’attività del Commissario ad acta, consistenti, ai sensi dell’art 5 della d g r 11 luglio 2014 n X/2130, nel compenso indicato nell’Allegato A) medesimo, al quale sono sommate le spese vive documentate, ivi comprese quelle di viaggio;

4 di disporre che il presente provvedimento venga immediatamente comunicato ai Comuni interessati, tramite pec, e che dalla data di tale comunicazione i Comuni medesimi perderanno la potestà di provvedere circa il proprio piano di governo del territorio, fatto salvo quanto disposto dai successivi punti 5) e 6) del presente provvedimento;

5 di disporre che per i Comuni i quali, alla data di approvazione del presente provvedimento, abbiano provveduto ad inviare Comunicazione scritta alla D G Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo fissando una data certa in cui il Consiglio comunale provvederà ad assumere il provvedimento di approvazione definitiva del proprio piano di governo del territorio, di seguito elencati:

−  Borgoratto Mormorolo (PV), seduta del Consiglio Comunale fissata in data 5 marzo 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  Lovero (SO), seduta del Consiglio Comunale fissata entro la data del 28 febbraio 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  Margno (LC), seduta del Consiglio Comunale fissata entro la data del 7 marzo 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  Pieve d’Olmi (CR), seduta del Consiglio Comunale fissata in data 27 febbraio 2015 per approvazione definitiva del PGT;

−  San Nazzaro Val Cavargna (CO), seduta del Consiglio Comunale fissata entro la data del 6 marzo 2015 per ap- provazione definitiva del PGT;

il presente provvedimento di nomina del Commissario ad acta non diverrà efficace nel caso in cui, entro la data indicata dal comune medesimo e sopra riportata, venga assunto dal consiglio comunale il provvedimento di approvazione del PGT, il quale fa venir meno il presupposto necessario per il commissariamento In caso contrario, il presente provvedimento di nomina diverrà immediatamente ed automaticamente efficace il giorno successivo alla data in questione e il Commissario ad acta porterà a compimento il procedimento di approvazione del PGT;

6 di disporre che per i Comuni i quali, alla data di approvazione del presente provvedimento, abbiano provveduto ad inviare Comunicazione scritta alla DG Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo fissando una data certa in cui il Consiglio comunale provvederà ad assumere il provvedimento di adozione del proprio piano di governo del territorio, di seguito elencati:

• Premana (LC), seduta del Consiglio Comunale fissata entro la data del 7 marzo 2015 per adozione del PGT;

• Val Rezzo (CO), seduta del Consiglio Comunale fissata in data 7 marzo 2015 per adozione del PGT;

il presente provvedimento di nomina del Commissario ad acta diverrà immediatamente ed automaticamente efficace il giorno successivo alla data indicata dal comune medesimo e sopra riportata, e il Commissario ad acta porterà a compimento il procedimento di approvazione del PGT solo per gli adempimenti successivi alla deliberazione consiliare di adozione, qualora assunta entro la data in questione In caso contrario, il Commissario ad acta assumerà direttamente anche il provvedi- mento di adozione del PGT ;

7 di pubblicare il presente atto sul BURL e sul portale web del- la Direzione Generale Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo;

8 di dare atto che avverso il presente provvedimento potrà essere proposto ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrati- vo Regionale nel termine di 60 giorni previsto dall’art 29 del d.lgs 2 luglio 2010, n 104, ovvero potrà essere proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica nel termine di 120 giorni previsto dall’art 9 del d p r 24 novembre 1971, n 1199

II segretario: Fabrizio De Vecchi ——— • ———

 clicca sull’immagine per ingrandirlacommissario PGT